ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Felice Estate!

    FELICE ESTATE/HAPPY SUMMER!

    .... [continua]

    Felice Estate!

    FELICE ESTATE/HAPPY SUMMER!

    .... [continua]

    Felice Estate!

    FELICE ESTATE/HAPPY SUMMER!

    .... [continua]

    Felice Estate!

    FELICE ESTATE/HAPPY SUMMER!

    .... [continua]

    Felice Estate!

    FELICE ESTATE/HAPPY SUMMER!

    .... [continua]

    Felice Estate!

    FELICE ESTATE/HAPPY SUMMER!

    .... [continua]

    Felice Estate!

    FELICE ESTATE/HAPPY SUMMER!

    .... [continua]

    Felice Estate!

    FELICE ESTATE/HAPPY SUMMER!

    .... [continua]

    Felice Estate!

    FELICE ESTATE/HAPPY SUMMER!

    .... [continua]

    Felice Estate!

    FELICE ESTATE/HAPPY SUMMER!

    .... [continua]

    Home Page > Eventi

    Roma (Cineteca Nazionale - Cinema Trevi - venerdì 9 marzo 2012 alle 20.45) - 'IL CINEMA GIAPPONESE TRA GLI ANNI CINQUANTA E LA CONTESTAZIONE'

    Tavola rotonda nell'ambito della rassegna sul cinema giapponese. Incontro con Marco Del Bene, Donatello Fumarola, Enrico Ghezzi, Marco Müller, Roberto Silvestri. A seguire 'L'ISOLA NUDA' di Kaneto Shindo (1960) con ingresso gratuito.

    06/03/2012 - Nell'ambito della RASSEGNA SUL CINEMA GIAPPONESE venerdì 9 marzo 2012 alle 20.45 presso il Cinema Trevi della Cineteca Nazionale a Roma avrà luogo una tavola rotonda sul tema "IL CINEMA GIAPPONESE TRA GLI ANNI CINQUANTA E LA CONTESTAZIONE". Parteciperanno all'incontro: Marco Del Bene, Donatello Fumarola, Enrico Ghezzi, Marco Müller, Roberto Silvestri.

    A seguire L'ISOLA NUDA di KANETO SHINDO (1960) (ingresso gratuito)

    Regia: Kaneto Shindo; soggetto e sceneggiatura: Kaneto Shindo; fotografia: Kiyomi Kuroda; musica: Hikaru Hayashi; montaggio: Toshio Enoki; interpreti: Nobuko Otowa, Taiji Tonoyama, Shinji Tanaka, Masanori Horimoto; origine: Giappone; produzione: Kindai Eiga; durata: 94'

    Quasi completamente muto, L'isola nuda è, secondo le parole del regista, «un'elegia del lavoro, un inno alla forza di volontà del singolo». I protagonisti della pellicola sono un uomo e una donna, marito e moglie, che vivono con i due figli su un'isola, dove coltivano la terra. Per sopravvivere, i protagonisti ogni giorno attraversano il mare e prelevano dalla terraferma l'acqua, necessaria al loro sostentamento e all'irrigazione delle coltivazioni. Quando il figlio maggiore si ammala, il padre attraverserà nuovamente il mare, questa volta alla ricerca di un medico. In pochi nel 1960 avrebbero immaginato che L'isola nuda, una pellicola priva del tutto di dialoghi e il cui nucleo pulsante è la ciclicità della vita contadina, sarebbe divenuta un enorme successo al botteghino, consentendo di salvare dalla bancarotta la piccola società indipendente che l'aveva prodotta, la Kindai Eiga Kyokai (Associazione del Cinema Nuovo). Tra gli autori più fieramente indipendenti del cinema giapponese, Kaneto Shindo cerca qui di portare a termine, usando le stesse parole del regista, «un poema cinematografico che cerca di raffigurare la vita di esseri umani che lottano come formiche contro le forze della natura». «Un tranche de vie, di superba fattura formale, della vita di una famiglia che vive su un isola, a pochi chilometri di distanza dalla terraferma. Shindo, che ben conosce la lezione del cinema di Ejzenstejn, riprende la vita rurale esaltandone ogni piccolo gesto, e si sofferma a lungo sulla resa della fatica del lavoro, lasciando che i due protagonisti principali risalgano innumerevoli volte dal mare con i loro secchi ricolmi d'acqua, entrando sempre dal basso ma a testa alta nell'inquadratura, fino ad occuparla del tutto. La staticità della messinscena mette continuamente al centro del discorso l'uomo, la sua forza di volontà (e anche quella fisica) e l'insopprimibile desiderio di sopravvivenza. Gli unici momenti in cui la macchina da presa riesce a librarsi sono le inquadrature aeree, che aprono e chiudono il film e mirano a sottolineare l'isolamento in cui vivono i personaggi e a rafforzare quel senso di circolarità temporale che caratterizza la loro esistenza» (Daria Pomponio).

    Copia proveniente dall'Istituto Giapponese di Cultura

    LA REDAZIONE

    Nota: Si ringrazia Susanna Zirizzotti (Ufficio Stampa Centro Sperimentale di Cinematografia)


    <- Torna all'elenco degli eventi

    Volevo nascondermi

    VOLEVO NASCONDERMI

    Nuova uscita il 19 Agosto - Dalla Berlinale 2020: VINCITORE dell'Orso d'Argento al .... [continua]

    Onward - Oltre la magia

    ONWARD - OLTRE LA MAGIA

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 19 Agosto

    "Dopo 'Monsters University', volevo fare qualcosa di ....
    [continua]

    Tenet

    TENET

    Dal 26 Agosto - "Partiremo dal punto di vista di un film di spionaggio, ma .... [continua]

    High Life

    HIGH LIFE

    Robert Pattinson, Mia Goth e Juliette Binoche protagonisti in un'avventura Sci-Fi diretta da Claire Denis .... [continua]

    The Lighthouse

    THE LIGHTHOUSE

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - 1 Nomination agli Oscar 2020 per .... [continua]

    Le strade del male

    LE STRADE DEL MALE

    New Entry - USA: Dal 16 Settembre .... [continua]

    Lei mi parla ancora

    LEI MI PARLA ANCORA

    New Entry - INIZIO RIPRESE dal 3 Agosto 2020 - Pupi Avati torna dietro .... [continua]