ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Minamata

    MINAMATA

    New Entry - Berlinale 2020 - Johnny Depp fotografo di guerra in Giappone, .... [continua]

    Parasite

    PARASITE

    Ancora al cinema - VINCITORE 4 Premi OSCAR 2020: Miglior film; Miglior film .... [continua]

    Dolittle

    DOLITTLE

    Ancora al cinema - RECENSIONE in ANTEPRIMA - Il regista e sceneggiatore Stephen Gaghan .... [continua]

    Figli

    FIGLI

    Ancora al cinema - RECENSIONE - Paola Cortellesi e Valerio Mastandrea nell'ultimo film di .... [continua]

    Il diritto di opporsi

    IL DIRITTO DI OPPORSI

    Ancora al cinema - Dal Toronto International Film Festival il 6 settembre 2019 .... [continua]

    Richard Jewell

    RICHARD JEWELL

    Ancora al cinema - Il quasi novantenne regista Clint Eastwood scova e pone sotto .... [continua]

    Judy

    JUDY

    Ancora al cinema - Tra i più attesi!!! - VINCITORE Premio Oscar .... [continua]

    Piccole donne

    PICCOLE DONNE

    Ancora al cinema - Tra i più attesi!!! - VINCITORE di un [continua]

    1917

    1917

    Ancora al cinema - RECENSIONE - Tra i più attesi!!! - OSCAR .... [continua]

    Jojo Rabbit

    JOJO RABBIT

    Ancora al cinema - RECENSIONE - Oscar 2020 - Sei Nominations tra cui .... [continua]

    Home Page > Eventi

    L'EVENTO NELL'EVENTO: IL FESTIVAL DI CANNES APRE IL 17 MAGGIO 2006 CON 'IL CODICE DA VINCI'

    Ma il pallone dell'enfasi mediatica gonfiato a dovere da tempo (troppo) ha finito per sgonfiarsi al primo tiro. Accoglienza tiepida lambita di ironia. Perchè?

    18/05/2006 - Troppi errori conclamati sul piano storico e teologico evidentemente non aiutano neppure la regina delle 'fiction'. Perchè che di fiction si tratti sul filo di un genere di per sè accattivante, quale il thriller esoterico, non c'è ombra di dubbio, come d'altra parte si affannano a ripetere con tutte le loro forze il regista RON HOWARD e l'interprete protagonista TOM HANKS.
    Particolarmente opportuna la dinamica adottata dagli Organi della Chiesa Ufficiale chiamati in causa che in questo duplice 'fenomeno mediatico' de 'Il Codice da Vinci' (libro e romanzo) hanno raccolto un'imperdibile opportunità e un forte stimolo a porgere una cosiddetta 'campagna verità' di contro al caleidoscopio di clamorosi svarioni storici e teologici promulgati dal racconto di DAN BROWN.
    Che questa sia un'operazione necessaria posso dirlo per esperienza diretta, sulla base del vero nocciolo della questione, anticipato nei giorni scorsi da VITTORIO MESSORI in RAI e ribadito da FRANCO CARDINI (nell'intervista rilasciata a Federico Pontiggia per "www.cinematografo.it", che, trascriviamo di seguito, come già ha fatto "magazine.libero.it/cinema"): "la debolezza culturale e intellettuale" di cui è gravemente affetta la nostra società. Dicevo per esperienza diretta perchè in occasione dell'ultimo dell'anno, una persona, diciamo pure molto comune, mi invitava a leggere il libro di Dan Brown come la verità rivelata, quasi che fosse la panacea giunta a proposito a raddrizzare 'presunte deviazioni bibliche'. Evidentemente, come già verificato da voci ben più autorevoli della mia, la gente comune non riesce più a far distinzione tra un romanzo e un, 'qualcosa di ben diverso'. Questo è il vero problema, non il libro o il film in sè.

    Quanto spiega FRANCO CARDINI getta autorevolmente chiara luce sulla questione 'Da Vinci' e riteniamo ottima cosa la divulgazione:


    "LE BUGIE DI DAN BROWN (*)
    17/05/2006 - Il Codice da Vinci "non ha alcuna attendibilità storica" - Lo dice lo storico Franco Cardini

    Il successo - planetario - è scontato. La Sony, dopo aver messo sul piatto 125 milioni di dollari, pensa di incassarne globalmente 800. Il film apre oggi la cinquantanovesima edizione del festival di Cannes ed esce il 19 maggio in tutto il mondo. Tre i protagonisti: Ron Howard in regia, Tom Hanks nei panni del professore Robert Langdon, Audrey Tautou in quelli della crittografa Sophie Neveu. Unica l'origine: il bestseller omonimo di Dan Brown, Il Codice da Vinci. A decrittarlo abbiamo chiamato Franco Cardini, professore di storia medievale all'Università di Firenze, saggista e romanziere.

    Sono sostenibili storicamente le tesi prospettate dal Codice da Vinci di Dan Brown e ora trasposte nel film omonimo di Ron Howard?
    Non vi è alcun rapporto con la realtà storica. L'Opus Dei di cui parla Dan Brown è inesistente, i documenti storici che presenta, come quelli riguardanti il cosiddetto Priorato di Sion, sono falsi acclarati da almeno trent'anni. La confusione che Brown fa tra i manoscritti ritrovati nell'oasi egiziana di Nag Hammadi, che sono testi gnostici, e quelli trovati a Qumran sul Mar Morto, che sono testi essenici, non può legittimarsi in una ricostruzione fanta-storica. Certi dati vanno rispettati, altrimenti anche il divertissement semi-storico cade.

    Dove ha sbagliato Dan Brown
    Dan Brown è responsabile di due gravi colpe. Primo, aver infranto le regole della pseudo-storia che prevedono l'iserimento dell'invenzione in una realtà storica verosimile e accuratamente ricostruita. La seconda, pesantissima, colpa è l'aver sostenuto in una pagina introduttiva - ancora presente nelle edizioni in lingua inglese, mentre in Italia Mondadori l'ha stralciata - che il Codice è basato su documenti storici.

    Questa non veridicità storica è percepita dal lettore/spettatore o queste tesi vengono assorbite inconsciamente ?
    Il problema fondamentale non sono le tesi di Dan Brown, ma la debolezza culturale e intellettuale della nostra società. E da questo punto di vista si può fare molto poco.

    Il Codice può essere considerato un'opera programmaticamente anti-cattolica?
    Non penso che sia anti-cattolico Tout Court, ma che con qualche furbizia Dan Brown si sia inserito in un filone letterario esoterico-scandalistico e nel contesto politico post-11 settembre, in cui le relazioni tra gli Usa neo-con di George W. Bush e la Santa Sede erano molto deteriorate - a tal punto da farmi pensare allo zampino dei servizi segreti americani nella serie di scandali di pedofilia che ha colpito il clero statunitense.

    Qual'è l'operazione di Brown?
    In quel momento storico esce Il Codice da Vinci e colpisce una delle istituzioni cattoliche notoriamente più care a Giovanni Paolo II, l'Opus Dei, e riprende in chiave femminista new age il discorso sulla religione primitiva, legata all'autocrazia delle donne, riferendosi senza citarla alla fondatrice del femminismo antropologico Margaret Alice Murray, egittologa, famosa per il pamphlet Il dio delle streghe.

    Egittologo è pure Robert Langdon (Tom Hanks), il protagonista del Codice.
    Ebbene, Langdon - e qui mi irrita la miseria culturale del lettore - per spiegare il rapporto fra il principio femminile e quello maschile nella cultura egizia antica ricorre allo ying e allo yang, come la ragazzina che vende essenze di fronte a casa mia. L'anglista Dan Brown non è Umberto Eco, ma sa che la cultura dell'erborista è molto diffusa.

    Furbizia, dunque?
    Per parlare del potere delle madri Brown non scomoda Bachofen, ma prende il bestseller della Murray, che è la bibbia di un femminismo chic molto anti-cattolico. E lo fa nel momento in cui Bush ha il consenso più vasto, immaginando l'Opus Dei quale sorta di Spectre. Il successo del Codice è di matrice politica: mi meraviglio che non sia stato percepito.

    In questo scenario quali effetti sortirà la trasposizione di Ron Howard?
    Il film contribuirà a rinfocolare vecchi equivoci: la gente preferisce essere ingannata.

    (*) Federico Pontiggia, Le bugie di Dan Brown, in: "www.cinematografo.it"

    (A cura di PATRIZIA FERRETTI)


    <- Torna all'elenco degli eventi

    Il richiamo della foresta

    IL RICHIAMO DELLA FORESTA

    RECENSIONE - Dal 20 Febbraio

    "'Il Richiamo della Foresta' è entrato a far parte ....
    [continua]

    Bad Boys for Life

    BAD BOYS FOR LIFE

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 20 Febbraio

    "La vita è già difficile di per ....
    [continua]

    Cats

    CATS

    Trasposizione contemporanea del celebre musical di Broadway - Dal 20 Febbraio .... [continua]

    Gli anni più belli

    GLI ANNI PIU' BELLI

    Tra i più attesi!!! - RECENSIONE - Dal 13 Febbraio

    "'Gli anni più ....
    [continua]

    Sonic - Il film

    SONIC - IL FILM

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 13 Febbraio

    "Mi sono assicurato che ci fossero alcune ....
    [continua]

    Birds of Prey e la fantasmagorica rinascita di Harley Quinn

    BIRDS OF PREY E LA FANTASMAGORICA RINASCITA DI HARLEY QUINN

    Una sorta di 'sequel-ma-non-proprio', piuttosto 'spin-off', al femminile di Suicide Squad con protagonista Margot Robbie .... [continua]

    Joker

    JOKER

    Di nuovo al cinema dal 6 Febbraio 2020 - VINCITORE di 2 Premi OSCAR .... [continua]