ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Ladies in Black

    LADIES IN BLACK

    New Entry - Taormina Film Festival 2019 - Film di apertura .... [continua]

    Star Wars: episodio IX - The Rise of Skywalker

    STAR WARS: EPISODIO IX - THE RISE OF SKYWALKER

    New Entry - Tra i più attesi!!! - La celebre saga volge al .... [continua]

    L'uomo del labirinto

    L'UOMO DEL LABIRINTO

    New Entry - Tra i più attesi!!! - Dustin Hoffman e Toni Servillo .... [continua]

    Il professore e il pazzo

    IL PROFESSORE E IL PAZZO

    Tra i più attesi!!! - La prima volta insieme sul grande schermo di due .... [continua]

    Green Book

    GREEN BOOK

    Ancora al cinema - VINCITORE agli OSCAR 2019 di 3 statuette: 'Miglior Film', .... [continua]

    Home Page > Eventi

    I'VE SEEN FILMS - INTERNATIONAL FILM FESTIVAL (Milano, 30 settembre - 9 ottobre 2010) - LA QUINTA GIORNATA

    Lunedì 4 ottobre ha luogo la quinta ricchissima giornata di proiezioni ed Eventi Speciali del Festival internazionale ‘I’ve Seen Films’. Per il ventennale della carriera del cantautore Francesco Baccini (in concorso con il cortometraggio 'Nerofuori') il Premio Speciale 'Music & Film Award'.

    03/10/2010 - Questa giornata comprende innanzitutto un evento speciale che vede protagonista indiscusso il notissimo cantautore Francesco Baccini. Alle ore 21.00, presso lo Spazio Oberdan di Milano (viale Vittorio Veneto, 2, Milano) si terrà infatti una serata dedicata al famoso cantautore ed al suo cortometraggio in concorso ‘Nerofuori’, di cui è intenso protagonista ed anche autore delle musiche.

    'Nerofuori’, dei filmmaker Davide Bini ed Emanuela Mascherini, uno già vincitore di premi presso vari festival, l’altra anche quotata attrice, ci racconta l'incontro conflittuale di due solitudini: un cinquantenne rassegnato e una venticinquenne in cerca di certezze entrano in contatto grazie ad un fatale equivoco. La loro conoscenza sarà favorita e estremizzata da un viaggio in macchina che li vede costretti a condividere una giornata insieme del tutto inaspettata. Tutto accade in un giorno, in poche ore: troppo in fretta per capire chi hanno incontrato davvero, ma non troppo in fretta per non rimanerne per sempre colpiti.

    In tale occasione, alla presenza del Presidente del Festival, RUTGER HAUER, e di altri registi ed autori, si celebreranno i 20 anni di carriera di Francesco Baccini nel mondo della musica, con la consegna del Premio Speciale ‘Music & Film Award’. Avranno inoltre luogo speciali festeggiamenti dedicati a Baccini: tale data coincide infatti con il suo cinquantesimo compleanno.

    Per quanto riguarda invece le proiezioni dei film in concorso in questa giornata di lunedì 4 ottobre, le stesse inizieranno alle ore 18.00 sempre presso lo Spazio Oberdan con una interessantissima tripletta di film di animazione: ‘Copia A’ degli argentini Pablo A. Diaz e Gervasio Rodriguez Traverso, molto in tema con l’ambientazione cinematografica in quanto ci mostra un proiezionista che scopre un modo molto particolare di trarre piacere dalla vita - correndo però qualche rischio!; a seguire ‘Super 8 Film Fighter’, un cortometraggio spagnolo diretto dall’italiano Stefano Nicoli, che qui rende omaggio a Dziga Vertov, il documentarista russo pioniere del ‘cinema verità’; questa animazione infatti ritrae un’incredibile battaglia tra il Super 8 e la macchina da presa digitale. Infine, il particolarissimo ‘Train of Thought’ degli inglesi Leo Bridle e Ben Thomas: un suggestivo racconto ambientato in un mondo fatto interamente di carta. Tutti questi tre lavori sono proiettati in anteprima milanese.

    Le proiezioni proseguono poi con - tra gli altri - un bellissimo film sperimentale della sezione tematica ‘I bambini ci guardano’, dal titolo ‘Al-Qant’ del regista Al-Motasim Salim Al-Shaqsi proveniente dal Sultanato di Oman: questo autore medio-orientale ci introduce nella realtà singolare di quattro ragazzini che giocano a nascondino.

    Molti anche i lavori di fiction, come per esempio ‘The Idiot’ degli inglesi Arturo Merelo e Simon Shaw, che in 20 serratissimi minuti ci introducono nella giornata particolare di un noleggiatore di film. Da non perdere anche ‘Donne di sabbia’ della bravissima ed eclettica Rita Colantonio, qui alla sua prima regia. ‘Donne di sabbia’ fa parte della sezione tematica ‘Quello che le donne non dicono’, e ci trasporta nella realtà emotivamente coinvolgente di alcune donne accomunate dallo stesso destino.

    Un altro gioiellino cinematografico di questa giornata è la raffinatissima animazione ‘L’homme qui dort’, una co-produzione franco-argentina della animatrice Inès Sedan, che ci trasporta con poesia nella vita di Sofia, sposata ad un uomo che continua a dormire in modo a dir poco preoccupante.

    Alle ore 22:00, per la sezione ‘Salto in lungo' dedicata ai lungometraggi, viene proiettato in anteprima milanese ‘Vous êtes servis’, del belga Jorge Leon. Anche questo autore sarà presente in sala, e si confronterà con il pubblico presente raccontando la sua esperienza durante le riprese di questo lavoro di estremo interesse sociale. ‘Vous êtes servis’ è infatti un documentario che mette i brividi perché racconta il dramma della ‘schiavitù’ delle giovani cameriere asiatiche. Ma mette ancora più inquietudine addosso perché il tono della narrazione è volutamente spoglio, senza esagerazioni retoriche. I volti delle protagoniste, costrette per la fame ad accettare lavori usuranti in Indonesia, sono volti che nonostante tutto esprimono una grande dignità, e anche un grande desiderio di vivere. Ogni mese, migliaia di queste giovani donne si riversano nel continente asiatico o nel Medio Oriente, ma i loro sogni si trasformano spesso in incubi: senza documenti, sfruttate, scoprono velocemente una dura realtà. Eppure, il flusso continua incessantemente: le scuole ricevono in continuazione nuove reclute impazienti di apprendere come comportarsi, come avere pazienza, e come usare i forni a microonde. Léon ci fa scroprire un sistema sociale ed economico estremamente complesso, misconosciuto e che porta spesso a terribili conseguenze. Ricrediamoci sulla rassicurante idea che ci eravamo fatti alla scuola dell’obbligo, ovvero che la schiavitù è finita da un pezzo. La schiavitù purtroppo esiste e, fortunatamente, quantomeno ci sono dei cineasti che si prendono la briga di raccontarci questo orrore.

    LA REDAZIONE

    Nota: Si ringraziano il Presidente Rutger Hauer e il Direttore e Press Office - CortoWeb PierPaolo De Fina


    <- Torna all'elenco degli eventi

    Torna a casa, Jimi! 10 cose da non fare quando perdi il tuo cane a Cipro

    TORNA A CASA, JIMI! 10 cose da non fare quando perdi il tuo cane a Cipro

    Un padrone pronto a tutto per il suo amico a quattro zampe nel film che .... [continua]

    Shazam!

    SHAZAM!

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 3 Aprile

    "Per me la grande attrazione del personaggio ....
    [continua]

    Cafarnao - Caos e miracoli

    CAFARNAO - CAOS E MIRACOLI

    VINCITORE del Premio della Giuria a Cannes 2018 - Dall'11 Aprile

    "'Cafarnao' ....
    [continua]

    Book Club - Tutto può succedere

    BOOK CLUB - TUTTO PUO' SUCCEDERE

    RECENSIONE - Dal 4 Aprile

    "A Hollywood, nella società, c'è una fortissima discriminazione dell'età ....
    [continua]

    Dumbo

    DUMBO

    Primo al box Office Italia e Usa - RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 28 Marzo
    [continua]

    Bentornato Presidente

    BENTORNATO PRESIDENTE

    RECENSIONE - Il Presidente Peppino Garibaldi (Claudio Bisio) torna a portare scompiglio nei palazzi della .... [continua]

    Una giusta causa

    UNA GIUSTA CAUSA

    RECENSIONE - Un tributo a una delle figure più influenti del nostro tempo, seconda donna .... [continua]