ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    E poi c'è Katherine

    E POI C'E' KATHERINE

    New Entry - Tra i più attesi!!! - Soprannominato da "Vanity Fair" 'Il .... [continua]

    Wasp Network

    WASP NETWORK

    New Entry - 76. Mostra del Cinema di Venezia - CONCORSO .... [continua]

    The Laundromat

    THE LAUNDROMAT

    76. Mostra del Cinema di Venezia - CONCORSO - The Laundromat (lett. La lavanderia) .... [continua]

    Joker

    JOKER

    Tra i più attesi!!! - 76. Mostra del Cinema di Venezia - CONCORSO .... [continua]

    Marriage Story

    MARRIAGE STORY

    New Entry - 76. Mostra del Cinema di Venezia - CONCORSO .... [continua]

    Eurovision

    EUROVISION

    New Entry - 2020 .... [continua]

    J'accuse (L'ufficiale e la spia)

    J'ACCUSE (L'UFFICIALE E LA SPIA)

    New Entry - 76. Mostra del Cinema di Venezia - CONCORSO - Dal .... [continua]

    Home Page > Eventi

    27. TORINO FILM FESTIVAL (13-21 Novembre 2009) - TORINO 27, FESTA MOBILE, ITALIANA.DOC, CINEMA E CINEMI, ONDE, RAPPORTI CONFIDENZIALI E RETROSPETTIVE D’AUTORE, ALLA KERMESSE IN CELLULOIDE DEL NORD ITALIA

    GRAN PREMIO TORINO’ ad EMIR KUSTURICA e alla American Zoetrope di FRANCIS FORD COPPOLA

    06/11/2009 - Conto alla rovescia per la kermesse cinematografica del Nord Italia giunta alla 27. edizione. Diretto da GIANNI AMELIO (vice direttore Emanuela Martini), il 27. Torino Film Festival apre i battenti il prossimo 13 Novembre con NOWHERE BOY di Sam Taylor Wood come film d’apertura, per richiuderli il 21 c. m.

    Numerose le sezioni tra cui Torino 27, Festa mobile, Italiana.Doc, Cinema e Cinemi, Onde e un paio di retrospettive d’autore dedicate rispettivamente a Nagisa Oshima e a Nicholas Ray. Musica, famiglia, coppie, paesaggio, viaggio, televisione e cinema tra i temi ricorrenti. Si tratta di ben 254 titoli, di cui 42 anteprime mondiali, 21 anteprime internazionali, 10 anteprime europee e 74 anteprime italiane per oltre 3500 film visionati, tra corto, medio e lungometraggi.

    Tra le presenze finora confermate spiccano: Francis Ford Coppola, Emir Kusturica, Mario Monicelli, Charlotte Rampling, Susan Ray, Nicolas Winding Refn, Sam Taylor Wood, Aaron Johnson, Marco Bellocchio, Davide Ferrario, Matteo Garrone, Mario Martone, Paolo Sorrentino, Gianni Zanasi, Ken Jacobs, Nicolas Provost, Pedro Costa, Philippe Lioret, Adrián Biniez, Elio Germano, Stella Schnabel, Ennio Fantastichini, Paolo Briguglia, Angela Ricci Lucchi & Yervant Gianikian.

    TORINO 27, la principale sezione competitiva del festival è riservata ad autori alla prima, seconda o terza opera, presenterà 16 film di nuova produzione, inediti in Italia. Come sempre incentrato sul cinema “giovane”, il festival si rivolge principalmente alla ricerca e alla scoperta di talenti innovativi, che esprimono le migliori tendenze contemporanee del cinema indipendente internazionale. Nel corso degli anni sono stati premiati ai loro inizi autori come Tsai Ming-liang, David Gordon Green, Chen Kaige, Lisandro Alonso. Un cinema “del futuro”, rappresentativo di generi, linguaggi e tendenze. Nel 2008, sono stati premiati Tony Manero di Pablo Larraín (Miglior film), Prince of Broadway di Sean Baker (Premio speciale della giuria), Emmanuelle Devos in Non-dit di Fien Troch (Premio per la migliore attrice), Alfredo Castro in Tony Manero (Premio per il miglior attore).

    FESTA MOBILE: “Poi veniva la brutta stagione. Alla fine dell’autunno, in un solo giorno, cambiava il tempo”. È uno degli incipit più famosi della storia della letteratura, quello di Festa mobile di Ernest Hemingway, memorie della Parigi degli anni '30, pubblicate postume, nel 1964. Ed è esattamente nel bel mezzo dell’autunno, quando il tempo a Torino può diventare davvero inclemente, che il Torino Film Festival offre al suo pubblico una “festa”, un girovagare continuo tra uno schermo e l’altro, tra un genere e l’altro, tra un dramma, una risata, un horror, un musical. Un piacere per gli occhi, per scacciare l’inverno, all’interno delle sale. ‘Festa mobile’ è uno spazio in movimento, nel quale il festival propone, fianco a fianco, le anteprime più attese e i film più stimolanti visti all’estero, gli esemplari più bizzarri e i più rigorosi sguardi sulla realtà, da combinare insieme seguendo i gusti personali. Con una piccola indicazione di percorso: “Figure nel paesaggio” indica tutti i film costruiti secondo uno schema narrativo di finzione, mentre “Paesaggio con figure” contiene i film che, invece, si concentrano sulla presa diretta della realtà. Una volta questi ultimi si sarebbero chiamati documentari, ma il ‘Torino Film Festival’ crede che la distinzione rigida tra finzione e documentario sia quanto mai ingiusta e che non corrisponda più al sorprendente miscuglio di stili ed emozioni, alla “fluidità”, del cinema contemporaneo. Perciò, nessuna barriera, nessuna separazione, ma una semplice “segnaletica” a uso degli spettatori.

    GRAN PREMIO TORINO

    A partire da questa edizione, il Torino Film Festival istituisce il Gran Premio Torino: il riconoscimento viene assegnato ogni anno ai cineasti che, dall’emergere delle nouvelles vagues in poi, hanno contribuito al rinnovamento del linguaggio cinematografico, alla creazione di nuovi modelli estetici, alla diffusione di nuove tendenze che sono alla base delle opere più interessanti del cinema contemporaneo.
    In questa edizione, il premio viene assegnato a EMIR KUSTURICA, per la qualità inventiva dei suoi film e la trascinante originalità del suo stile.KUSTURICA, del quale verrà presentata la versione integrale di Underground, della durata di oltre 6 ore, inedita in Italia, riceverà il premio durante la cerimonia di chiusura del Tff.
    Il premio viene inoltre attribuito alla AMERICAN ZOETROPE di FRANCIS FORD COPPOLA, per il contributo della compagnia di produzione al rinnovamento dell’industria cinematografica statunitense e per il suo prezioso ruolo di congiunzione tra cinema classico e cinema del futuro. FRANCIS FORD COPPOLA sarà presente a Torino per ritirare il premio e per l’anteprima italiana del suo nuovo film, Tetro (Segreti di famiglia), distribuito da Bim. In questa occasione, verranno presentati anche Rusty il selvaggio, diretto da Coppola nel 1983, e la versione restaurata di Scarpette rosse, il capolavoro del 1948 di Powell e Pressburger al quale Tetro rende un appassionato omaggio.

    Alcuni dei titoli con i principali dettagli:

    TETRO - SEGRETI DI FAMIGLIA di FRANCIS FORD COPPOLA (USA/Argentina/Spagna/Italia, 2009, 35mm, 127’)
    Bennie, 17 anni, arriva a Buenos Aires alla ricerca del fratello maggiore, fuggito dalla famiglia anni prima: Tetro, scrittore amaro e nevrotico ossessionato da grovigli e delusioni che riemergono dal passato. Autodistruzione barocca a tempo di milonga nello sfolgorante nuovo mélo di Coppola, a colori e in bianco e nero, appassionato ed estremo, un omaggio alla follia del cinema.

    RUMBLE FISH di FRANCIS FORD COPPOLA (USA, 1983, 35mm, 94’)
    Un ragazzo di 16 anni vive nel mito del fratello maggiore lontano: Rusty e Motorcycle Boy, Matt Dillon e Mickey Rourke, due decenni prima di Bennie e Tetro. Il progenitore diretto di Tetro, anche questo scritto
    da Coppola, assolutamente indipendente, in bianco e nero con sprazzi di colore. E malattie, colpe, disperazioni che si materializzano in improvvisi deliri visivi.

    THE RED SHOES di MICHAEL POWELL ed EMERIC PRESSBURGER (UK, 1948, 35mm, 133’)
    Uno dei mélo più belli della storia del cinema, citatissimo in Tetro: la storia di una ballerina tormentata tra la passione mortale per la danza e l’amore quieto per un musicista. Vicky danza verso un destino inevitabile, sulle ali della propria vocazione fatale. E Powell a ogni inquadratura inventa un tuffo al cuore, un’emozione, una meraviglia per lo sguardo. Copia restaurata.

    UNDERGROUND di EMIR KUSTURICA (Francia/Yugoslavia/Germania, 1995, Betacam, 6x52’)
    Due pittoreschi antinazisti, l’uno trafficante e l’altro donnaiolo, si fanno fama da eroi nella Belgrado del 1941 e convincono il loro clan a fabbricare armi in un rifugio sotterraneo, dove però terranno tutti segregati per quasi vent’anni, fingendo che la guerra continui, per guadagnarci con gli affari. Tragicommedia tzigana, straripante e visionaria, proposta nella versione integrale, inedita in Italia, di circa 6 ore.

    FANTASTIC MR. FOX di WES ANDERSON (USA, 2009, 35mm, 87’)
    Dal libro di R. Dahl, la storia di Mr. Fox, Mrs. Fox e dei loro ragazzi, in guerra contro Boggis, Bunce e Bean, i tre agricoltori più invidiosi della zona, che tentano di seppellirli insieme a tutti i loro vicini di casa, puzzole, topi, conigli. Un gioiello di animazione stop-motion, con le voci di George Clooney, Meryl Streep, Bill Murray, Adrien Brody, Owen Wilson.

    NOWHERE BOY di SAM TAYLOR WOOD (UK, 2009, 35mm, 96’)
    A Liverpool, un ragazzo cresce con la zia conformista, ma un giorno si rifà viva la mamma eccentrica, appassionata di musica: adolescenza e prime vocazioni di John Lennon e del suo amico Paul McCartney, dal libro di Julia Baird, sorellastra di Lennon. Due giovanissimi, Aaron Johnson e Thomas Sangster, con Kristin Scott Thomas, diretti dall’artista visiva Sam Taylor Wood.

    NEIL YOUNG TRUNK SHOW di JONATHAN DEMME (USA, 2009, HD, 83’) PREMIO CULT
    Jonathan Demme torna nuovamente dopo Heart of Gold sulla musica dell'amico e compagno di strada Neil Young. Un ritratto sul palco e in presa diretta di uno dei più grandi autori della storia del rock, realizzato quasi totalmente con delle piccole camere digitali durante il recente Chrome Dream II Tour. Contornato dalle sue chitarre, Neil Young ripercorre i 40 anni della sua carriera.

    La sezione di approfondimento RAPPORTO CONFIDENZIALE è dedicata al regista danese Nicolas Winding Refn, affermatosi nella seconda metà degli anni '90, distribuito poco e male nel nostro Paese.

    Con un totale di 48 titoli tra lungo e cortometraggi, ONDE è la sezione che conferma nel Torino Film Festival la necessità di affidarsi alle derive più inattese del cinema, seguendo le correnti sotterranee della produzione mondiale.

    ITALIANA.DOC è un concorso di lungometraggi documentari italiani inediti, realizzati in pellicola o in video, un “genere” che in Italia è da sempre trascurato dalla distribuzione in sala e dalla programmazione televisiva.

    In ‘CINEMA E CINEMI’ si mescolano eventi del cinema del passato e momenti del cinema del presente che, per durata o eccezionalità, non possano rientrare nelle altre sezioni del festival: dall’omaggio all’opera di Mario Monicelli, con la presentazione di Risate di gioia, in una copia appena restaurata dalla Cineteca di Bologna, alla torrenziale opera collettiva Walls and Boders, realizzata a scopi benefici da 83 cineasti per ricordare il ventennale della caduta del Muro di Berlino; da un altro “compleanno” (i cinquant’anni della Nouvelle Vague, rievocati dal critico Jean-Michel Frodon) alla nascita di una nuova collana di classici in dvd realizzata dal Museo Nazionale del Cinema e distribuita da RaroVideo; dalle recentissime schegge italo-americane di Antonio Tibaldi a quelle tutte bolognesi di Brustoléin, ai ricordi tra orrori della Storia e passione per la vita (e per il cinema) della coppia Marina Piperno-Luigi Faccini. Perché, al Torino Film Festival, tutto fa cinema.

    Due RETROSPETTIVE:

    (*) La retrospettiva dedicata a Nagisa Oshima (nato a Kyōto nel 1932 si afferma da subito come maestro rigoroso e inquietante di un cinema di rottura che pratica consapevolmente la diretta esteriorizzazione della propria soggettività interiore e propone un coinvolgimento attivo dell’artista nella società).

    (*) La retrospettiva Nicholas Ray (uno degli autori che reinventarono il cinema americano, faticosamente e drammaticamente, nel decennio più difficile della storia di Hollywood, quegli anni 50 che segnarono la fine del cinema classico e del sistema consolidato degli studios, davanti alla concorrenza della televisione)

    TUTTI I PREMI:

    GRAN PREMIO TORINO
    a Emir Kusturica e alla American Zoetrope di Francis Ford Coppola

    TORINO 27
    Miglior film: € 25.000
    Premio speciale della Giuria: € 10.000
    Premio per la migliore attrice
    Premio per il migliore attore

    ITALIANA.DOC
    Miglior documentario italiano, in collaborazione con Persol: € 10.000
    Premio speciale della Giuria: € 5.000

    ITALIANA.CORTI
    Miglior cortometraggio italiano: € 10.000
    Premio speciale della Giuria - Premio Kodak: € 5.000 in pellicola cinematografica

    SPAZIO TORINO
    Premio Chicca Richelmy per il miglior cortometraggio: € 6.500 di cui 2.500 offerti dall’Associazione Chicca
    Richelmy e 4.000 in servizi di post-produzione per pellicola cinematografica offerti da Square Post-
    Production, Milano
    in collaborazione con La Stampa - Torino Sette - Premio Achille Valdata

    PREMIO CULT – IL CINEMA DELLA REALTÀ
    Miglior documentario internazionale: € 20.000 (in collaborazione con il canale satellitare Cult, Gruppo Fox
    Channels Italy)

    PREMIO CIPPUTI
    Miglior film sul mondo del lavoro: € 5.000

    PREMIO FIPRESCI
    Miglior film Torino 27

    PREMIO INVITO ALLA SCUOLA HOLDEN
    Premio per la miglior sceneggiatura di Torino 27
    Il vincitore è invitato a condurre un workshop di tre giorni presso la scuola Holden - € 1.500

    PREMIO DEL PUBBLICO ACHILLE VALDATA
    In collaborazione con La Stampa - Torino Sette
    Miglior film Torino 27

    PREMIO AVANTI!
    Distribuzione delle opere premiate nella rete dei cineforum e dei cineclub: migliori cortometraggi e
    documentari italiani

    PREMIO UCCA – VENTI CITTA’
    Distribuzione del documentario vincitore in almeno 20 città presso circoli e sale associate all’UCCA

    PREMIO MAURIZIO COLLINO – UNO SGUARDO AI GIOVANI
    Miglior film su temi giovanili

    Torino Film Festival (Via Montebello, 15 - 10124 Torino - tel. +39 011 8138811, fax +39 011 8138890); http://www.torinofilmfest.org; e-mail: info@torinofilmfest.org

    LA REDAZIONE

    Nota: Si ringraziano Lorena Borghi, Patrizia Wachter, Arianna Monteverdi (Studio Sottocorno)


    <- Torna all'elenco degli eventi

    Il signor diavolo

    IL SIGNOR DIAVOLO

    Un ritorno ai demoni del passato del regista Pupi Avati al romanzo gotico e a .... [continua]

    Fast & Furious - Hobbs & Shaw

    FAST & FURIOUS - HOBBS & SHAW

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dall'8 Agosto

    Quale futuro per la saga 'Fast & Furious'?
    [continua]

    Hotel Artemis

    HOTEL ARTEMIS

    RECENSIONE - Oltre 27 anni dopo Il silenzio degli innocenti Jodie Foster ritorna nel mondo .... [continua]

    Felice Estate!

    FELICE ESTATE/HAPPY SUMMER!

    .... [continua]

    Felice Estate!

    FELICE ESTATE/HAPPY SUMMER!

    .... [continua]

    Felice Estate!

    FELICE ESTATE/HAPPY SUMMER!

    .... [continua]

    Felice Estate!

    FELICE ESTATE/HAPPY SUMMER!

    .... [continua]