ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Nomadland

    NOMADLAND

    VINCITORE del LEONE D'ORO alla 77. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica: 2-12 settembre 2020 .... [continua]

    Siccità

    SICCITA'

    New Entry - Nuova commedia per Paolo Virzì - INIZIO RIPRESE Febbraio 2021 .... [continua]

    Operation Mincemeat

    OPERATION MINCEMEAT

    New Entry - Due ufficiali (tra cui Colin Firth) usano degli stratagemmi per sconfiggere .... [continua]

    All-Star Weekend

    ALL-STAR WEEKEND

    New Entry - Jamie Foxx dirige, scrive e interpreta questa commedia incentrata su certe .... [continua]

    Wander

    WANDER

    New Entry - Aaron Eckhart è un investigatore privato mentalmente instabile, l'esatto opposto dello .... [continua]

    Belfast

    BELFAST

    New Entry - Kenneth Branagh mette a fuoco i tumulti nella Belfast degli anni .... [continua]

    Fear of Rain

    FEAR OF RAIN

    New Entry - Katherine Heigl tra i protagonisti di un thriller horror che corre .... [continua]

    Una donna promettente

    UNA DONNA PROMETTENTE

    New Entry - 4 candidature a Golden Globes 2021 - L’innovativa autrice e .... [continua]

    Music

    MUSIC

    New Entry - Debutto alla regia per la cantante Sia - Disponibile in streaming .... [continua]

    Home Page > Eventi

    'SACROSANTI FISCHI A MILANO! FELLINI, LA CRITICA, L’ITALIA e LA DOLCE VITA: 1960-2010' (**)

    Un omaggio al cinema di FEDERICO FELLINI. Tavola rotonda e interventi all’Auditorium San Fedele di Milano, Sabato 3 ottobre 2009, ore 15.00

    29/09/2009 - Proiezione del documentario 'Noi che abbiamo fatto la dolce vita'. Il film ideato da Tullio Kezich, prodotto da Raisat e dalla Fondazione Fellini e realizzato da Gianfranco Mingozzi, è un omaggio a FEDERICO FELLINI, al suo cinema e in particolare a LA DOLCE VITA. Nel film si alternano una serie di interviste e filmati di repertorio riguardanti l’opera che sconvolse l’opinione pubblica di tutto il mondo. Interpreti e collaboratori dell’epoca rievocano il clima vissuto sul set e ricordano aneddoti e suggestioni create in corso d’opera dal Maestro.
    Il documentario è stato presentato in anteprima all’ultimo Festival di Locarno.

    Moderatore e coordinatore dell’incontro: MAURIZIO PORRO; CARLO CHATRIAN, La dolce vita nell’itinerario artistico, umano e spirituale di Fellini; GIOVANNI MAGATTI, Fellini e la critica cattolica; TOMASO SUBINI, Fellini, La dolce vita e il “caso San Fedele”; SIMONE CASAVECCHIA, Fellini negli scritti di Padre Angelo Arpa. (Angelo Arpa, gesuita e filosofo, è noto al grande pubblico per essere stato amico «religioso» di Federico Fellini, con il quale instaurò un dinamico confronto intellettuale nella difesa e nell’analisi della poetica del regista. Sodalizio artistico che approdò nel 1960 alla strenua difesa del film La dolce vita); MAURO APRILE ZANETTI (*), la Natura morta de La dolce vita: lo sguardo di Fellini e di Moranti; ENRICO MENDUNI, Cultura dei media e fotogiornalismo nell’Italia «televisiva» de La dolce vita; MAURIZIO PORRO, conclusioni; Intermezzi musicali su temi di Nino Rota a cura dei maestri PAOLO TOMELLERI (clarinetto) e GAETANO LIGUORI (pianoforte)

    (*) Attraverso un saggio-narrativo interdisciplinare, Mauro Aprile Zanetti rivela “l’esile e monumentale presenza” di una natura morta di Giorgio Morandi. Questo elemento, finora praticamente “ignorato” sia dal grande pubblico, sia dalla critica cinematografica ufficiale, appare all’interno di una delle più complesse e belle sequenze del film: il salotto intellettuale di Steiner.

    Proiezione del film LA DOLCE VITA, ore 20.15


    (**) SACROSANTI FISCHI A MILANO! FELLINI, LA CRITICA, L’ITALIA e LA DOLCE VITA: 1960-2010

    A cinquant’anni dalla sua uscita, a San Fedele si torna a parlare de LA DOLCE VITA. Una polifonia di voci e di punti di vista per tornare a riflettere su quella che pisolini definì “una bellezza spesso sconvolgente, spesso mostruosa, spesso angelica”.

    Allora mi sono ingannato. Il mio film fa male. E dire che ero convinto d’aver fatto un’opera cattolica”. Secondo il racconto di Kezich (T. KEZICH, Federico Fellini, la vita e i film, pag. 206), FELLINI disse queste parole nei giorni in cui il suo film scatenava una sequenza di reazioni emotive e di contrastanti prese di posizione. Dopo un’iniziale esitazione, il pubblico – sospinto e incuriosito dalle polemiche suscitate – affolla le sale cinematografiche, non solo a Roma e Milano ma anche nei centri della provincia. D’altra parte, il film viene fatto oggetto di aspre critiche e di una fiera campagna denigratoria. La critica e l’opinione pubblica si dividono. All’interno della Chiesa, a fronte di una presa di posizione ufficiale decisamente segnata da chiusura e rifiuto, in alcuni ambienti la valutazione è molto positiva. Tra questi, il Centro Culturale San Fedele. Alcuni gesuiti pagheranno duramente la loro pubblica e motivata presa di posizione a favore del film.

    Dotato di una struttura aperta, il film è organizzato in episodi che hanno una loro autonomia narrativa pur proponendosi nell’insieme come un moderno itinerario tra i vizi capitali di un paese segnato dalla superficialità e dall’inautenticità. Marcello, unico protagonista presente in tutti gli episodi, collega tra loro e dà coerenza narrativa ai diversi episodi. Egli finisce per rappresentare emblematicamente la mediocrità borghese con la sua pratica incapacità di decidere e orientare la propria esistenza. L’Italia de La dolce vita è quella dei rotocalchi e delle passerelle, deformata e irreale. Dice Fellini: “Col loro modo di fotografare le feste, con la loro immaginazione estetizzante, i rotocalchi sono stati lo specchio inquietante di una società che si autocelebrava in continuazione, si rappresentava, si premiava; di una nobiltà retrograda che prendeva il Caravelle e si faceva fotografare su Lo Specchio. Una vecchia Italia secentesca e codina che si incrociava con quella dei Nastri d’Argento e sulla quale mi piaceva esercitare una mia propensione a fare sberleffi” (in V. FANTUZZI, Il vero Fellini, 36)

    LA REDAZIONE

    Nota: Si ringrazia lo StudioSottocorno (Milano)


    <- Torna all'elenco degli eventi

    High Life

    HIGH LIFE

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - Robert Pattinson, Mia Goth e Juliette Binoche protagonisti in .... [continua]

    Le verità

    LE VERITA'

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Già Film d' Apertura alla 76. .... [continua]

    I Care A Lot

    I CARE A LOT

    Rosamund Pike è tutrice legale di decine di anziani cittadini affidatale dal tribunale, ma .... [continua]

    Notizie dal mondo

    NOTIZIE DAL MONDO

    Paul Greengrass torna a dirigere Tom Hanks dopo Captain Phillips - Attacco in mare aperto .... [continua]

    La nave sepolta

    LA NAVE SEPOLTA

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Ralph Fiennes archeologo alle prese con uno .... [continua]

    Uno di noi

    UNO DI NOI

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Diane Lane e Kevin Costner tornano a far coppia sul grande .... [continua]

    Ava

    AVA

    RECENSIONE - Jessica Chastain assassina per Tate Taylor (Ma, La ragazza del treno) - In .... [continua]