ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Nomadland

    NOMADLAND

    Aggiornamenti freschi di giornata! (21 Gennaio 2021) - VINCITORE del LEONE D'ORO alla .... [continua]

    Kitbag

    KITBAG

    New Entry - .... [continua]

    Untitled David O. Russell Project

    UNTITLED DAVID O. RUSSELL PROJECT

    New Entry - Un cast 'iperstellato' nel nuovo progetto ancora senza titolo di David .... [continua]

    Last Looks

    LAST LOOKS

    New Entry - Mel Gibson interpreta un ex poliziotto caduto in disgrazia. .... [continua]

    Women in the Castle

    WOMEN IN THE CASTLE

    New Entry - Daisy Ridley, Kristin Scott Thomas e Nina Hoss nei panni di .... [continua]

    Northman

    NORTHMAN

    New Entry - Nella saga di vendetta vichinga ambientata in Islanda all'inizio del X .... [continua]

    Lucy and Desi

    LUCY AND DESI

    New Entry - Javier Bardem e Nicole Kidman in coppia per ricreare la celebre .... [continua]

    West Side Story

    WEST SIDE STORY

    New Entry - Dal 10 Dicembre .... [continua]

    One Night in Miami

    ONE NIGHT IN MIAMI

    New Entry - Dalla 77. Mostra del Cinema di Venezia e dal [continua]

    Don't Look Up

    DON'T LOOK UP

    New Entry - Adam McKay chiama a raccolta un cast 'all star' tra cui .... [continua]

    Home Page > Speciali

    George Clooney sull'urgenza del suo primo film Netflix 'The Midnight Sky', interpretando vecchietti, girando film durante una pandemia e regalando 14 milioni di dollari

    La lunga ed interessante intervista a George Clooney su 'Deadline'


    25/11/2020 - George Clooney ha una distinzione unica quando si tratta di storia degli Oscar. Il poliedrico regista e star è stato nominato agli Academy Awards in ben sei diverse categorie, un'impresa rara che include per il miglior film (Argo), attore (The Descendants, Michael Clayton, Up in the Air), attore non protagonista (Syriana), Regista (Good Night and Good Luck), sceneggiatura adattata (Le Idi di marzo) e sceneggiatura originale (Good Night and Good Luck). Ha vinto due volte, come produttore in Argo (2012) e attore non protagonista in Syriana (2005). Potrebbe trovarsi di nuovo in lizza in molte di queste categorie per il suo ultimo film, The Midnight Sky, che Netflix lancerà il 23 dicembre, il suo primo progetto cinematografico realizzato per il gigante dello streaming.

    Clooney recita, dirige ed è produttore del film basato sul romanzo del 2016 Good Morning, Midnight di Lily Brooks-Dalton con una sceneggiatura di Mark L. Smith (The Revenant). La storia si svolge nel prossimo futuro dopo che una catastrofe globale senza nome ha devastato la razza umana, e un solitario scienziato di stanza nell'Artico di nome Augustine (Clooney), gravemente malato, cerca di connettersi e avvertire un astronauta dello spazio profondo (Felicity Jones) e il suo equipaggio (Kyle Chandler, Demian Bichir, David Oyelowo, Tiffany Boone) dell'evento apocalittico e dell'estremo pericolo di tornare a casa dopo due anni fuori dal pianeta.

    È un film eccezionalmente ben fatto e avvincente, un'epopea raccontata su scala intima che penso possa e meriti di essere nella rosa dei candidati per il riconoscimento dei premi. Le sue immagini mi hanno sicuramente perseguitato da quando l'ho visto poche settimane fa, in particolare nelle espressioni facciali del giovane co-protagonista di Clooney, Caoilinn Springall di 8 anni, scelto tra le centinaia di audizioni. Ho potuto facilmente vedere le nomination per Film, Regista, Sceneggiatura adattata, Fotografia, Scenografia, Colonna sonora, Montaggio di film (dal socio di lunga data di Clooney Stephen Mirrione), Suono, Capelli e trucco, Effetti visivi e per la performance principale di Clooney, una svolta discreta che è profondamente commovente.

    Come gran parte di ciò che attrae Clooney a fare film in questi giorni, questo ha una risonanza penetrante e pertinenza per ciò che sta accadendo nelle nostre vite, e nonostante una produzione su larga scala girata in Islanda durante condizioni meteorologiche orribili e su un palcoscenico in Inghilterra che coinvolge un'astronave virtuale e altre sfide di realtà virtuale, è in definitiva una storia intima piena di silenzi e pensiero interno e il bisogno di connessione umana. Stranamente, offre anche speranza. È l'ultima parte che non solo rende questa avventura emozionante e anche significativa, ma rende anche questo film incredibilmente rilevante in questo momento. Avrò altro da dire quando potrò recensire The Midnight Sky formalmente il mese prossimo, ma alla fine della scorsa settimana ho avuto modo di dedicare 45 minuti a fare un tuffo profondo con Clooney nella realizzazione di questo film, il suo settimo lungometraggio da regista e con Good Night, And Good Luck il suo migliore e più urgente, e perché. era importante per lui affrontarlo. Iniziamo con la pandemia mondiale di coronavirus e come ciò abbia improvvisamente influenzato profondamente il corso di questo film quando è arrivato in sala di montaggio.

    DEADLINE: Quando hai intrapreso questo progetto, non avevi idea di quanto sarebbero diventati rilevanti i suoi temi di isolamento e connessione umana alla luce di COVID-19, vero?

    GEORGE CLOONEY: Sì. Le cose sono cambiate. C'erano un paio di cose. Quando stavo proponendo una sorta di mia opinione su Netflix, ho detto, guarda, questo non è un film big bang. Questa è una meditazione e ci sono alcune buone scene d'azione, ma in generale questa è una conversazione su se si mette in scena tutto questo odio che vediamo, non solo negli Stati Uniti, in tutto il mondo tra tutti questi tipi di leader autoritari , e lo metti in scena per i prossimi 30 anni, che non è tutto inconcepibile. Non è impossibile. Non è fantascienza che potremmo distruggere il mondo. Quella era una specie di passo ed era più o meno ciò a cui stavamo prestando attenzione.

    Abbiamo terminato le riprese a metà febbraio e poi siamo stati immediatamente mandati in isolamento e poco a poco è diventato davvero chiaro che quello di cui stavamo parlando ora era come parliamo io e te invece di incontrarci a un evento, o come parli con la tua famiglia ora o non poter tornare a casa per il Ringraziamento. Riguarda questo isolamento e questa incapacità di comunicare nel modo che vogliamo, e l'incapacità di toccarci e di essere vicini gli uni agli altri e quella sensazione di perdita e di venire a patti con essa. Mentre andavamo attraverso il film, mentre ero nella parte di post produzione, mi sono certamente appoggiato di più a quella trama mentre andavamo perché sono entrato nel montaggio per assicurarmi che fossimo in grado di discutere di questo tipo di cose al cinema. Sfortunatamente, è certamente opportuno. Non era in alcun modo qualcosa che avremmo potuto prevedere.

    DEADLINE: ... Che necessità di collegare che il tuo personaggio Agostino, in particolare con la bambina scopre lì, deve cambiare la dinamica del suo isolamento alla fine del mondo. Augustine sembra molto pertinente da suonare in questo momento.

    CLOONEY: Prima di tutto, come attore, l'ho adorato perché non puoi mai sbagliare se sei tu e un bambino. Ho interpretato un pediatra in ER . Ero un donnaiolo nello show ed ero ubriaco, ma fintanto che alla fine di ogni episodio sarei stato come "Non toccare quel ragazzo", allora potevo farla franca con qualsiasi cosa. Quindi sapevo che mi dava un'apertura come attore non dover cercare di rendere questo ragazzo necessariamente simpatico. Tutto quello che dovevo fare era cercare di proteggere la ragazza e poi tutto il resto poteva essere infelice o arrabbiato. Non sorride affatto o niente.

    Mi interessava il personaggio, come attore. Lo ero davvero mi interessa la storia perché amo l'idea di cosa siamo capaci di farci l'un l'altro se non prestiamo attenzione. Niente di tutto questo è scontato e stiamo imparando sempre di più perché vediamo che anche un'elezione non è più scontata. Tutte queste cose. Jimmy Carter ha avuto una grande battuta una volta in cui ha detto "La pace, come la guerra, deve essere condotta". L'ho sempre amato perché ti dice solo che tutto, niente può essere dato per scontato. Adoro l'idea che questo fosse un film che voleva parlare di questi grandi temi. La cosa che mi è piaciuta anche di più è che alla fine c'è la redenzione. È una storia di redenzione e in particolare del mio personaggio. E la redenzione, in un certo senso, ci dà qualche speranza per l'umanità. Ci dà l'idea che ci sia una ragione per questa lotta, una ragione per questa lotta.

    DEADLINE: Ho notato il tuo piccolo omaggio al film di Stanley Kramer del 1959 On the Beach, un film a cui continuavo a pensare mentre guardavo il tuo. In quel film i personaggi sono proprio lì in Australia ad aspettare che la nube radioattiva nucleare arrivi finalmente lì, e uno striscione in città alla fine dice: "C'è ancora tempo, fratello". E ne hai messo una breve clip nel film.

    CLOONEY: Sì. Ho inserito la clip. Quando ho letto la sceneggiatura la prima cosa che ho detto, è come il moderno On the Beach. L'unica differenza, ho pensato, era che On the Beach è così nichilista alla fine. È davvero la fine di tutta l'umanità e non c'è speranza. È un ultimo bacio, un ultimo amore prima che tutto finisca ... e questo, c'è vita e c'è redenzione in esso e c'è speranza e tutte le cose che in un certo senso ne fanno valere la pena. Questo è quello che mi è piaciuto di più è che non solo, sì, ci sono un sacco di brutte cose che succedono, ma c'è un motivo per litigare e questo mi piace molto. Se fosse solo, "OK, tutti muoiono alla fine", non sembrerebbe una storia che dobbiamo vedere adesso.

    DEADLINE: Sotto questo aspetto ottimistico, penso che tu sia incappato in qualcosa che in realtà gli ha anche dato maggiore risonanza rispetto a quella che avevi nella sceneggiatura o dal romanzo originale. È stato allora che hai scoperto che Felicity Jones era incinta nella vita reale?

    CLOONEY: Non era pazzo?

    DEADLINE: Incorporarlo, però, è stato il colpo brillante perché ti dà quello di cui stavi parlando, quel senso di speranza e rinnovamento che accade proprio lì.

    CLOONEY: Beh, è ​​una cosa divertente. Suo figlio mentre era ancora nel grembo materno, improvvisamente è diventato davvero un personaggio. È diventato qualcuno che era importante per tutti noi. La prima cosa che fai è dire "Fantastico. Sono elettrizzato per te. "Ora è un problema per noi e dovremo risolverlo. Il modo in cui abbiamo cercato di risolverlo inizialmente è stato fingendo che non esistesse. Come spararle dal collo in su e raddoppiare il corpo e tutto quel genere di cose. Oltre a essere davvero noioso, stava prosciugando la vita dalle scene. Stiamo girando scene tre volte e lei non era a suo agio perché stava cercando disperatamente di nasconderlo, e si stava mostrando abbastanza bene a quel punto.

    Quindi mi sono svegliato nel cuore della notte e ho detto: "le persone fanno sesso". Questo è quello che succede nei viaggi di due anni, e poi l'ho proposto a Felicity come se pensassi a Frances Mc Dormand a Fargo, dove non c'era un vero motivo per lei di essere incinta. Non era una vera trama. Ma le donne incinte vanno a lavorare tutti i giorni, fanno tutte queste cose e non vengono mai rappresentate. [AVVISO SPOILER] Ho detto che facciamo di lei un'astronauta incinta. Poi, mentre andava avanti, abbiamo dovuto iniziare a scrivere scene per introdurlo. Cominciò a diventare molto chiaro che il piccolo Wilber era così importante. Era il futuro e che dovevamo proteggerlo con molta attenzione. Questa è una specie di fine, e una specie di versione lunga di lei che scende le scale. Tutto ciò sembrava che ci fosse un futuro qui ed è per questo che alla fine è sembrato che avrebbe dovuto essere nella sceneggiatura per tutto il tempo.

    DEADLINE: A volte accadono piccoli incidenti lungo il percorso che dovrebbero essere.

    CLOONEY: Facevo improvvisazioni e una delle cose che hai imparato nell'improvvisazione è che non potresti mai negare qualcosa. Non puoi mai dire "no", è sempre "sì e". Quindi, se dici che il muro è blu e rispondi: "Sì, e la luce è verde". Non puoi mai dire "No, non è blu", perché tutto si ferma, l'improvvisazione si ferma. Quindi, una volta che hai questa situazione e la tua prima cosa da fare è dire: "OK, non è davvero incinta", hai interrotto qualsiasi flusso di creatività. Quindi il trucco era essere in grado di dire "OK, lo prenderemo e ne faremo un vantaggio" invece di qualcosa che dobbiamo superare. Siamo stati abbastanza fortunati da avere una storia che avrebbe funzionato.

    DEADLINE: Hai già lavorato con elementi dello spazio esterno in film in cui sei stato come Solaris e Gravity , ma perché hai deciso di dirigere questo film oltre che di recitare?

    CLOONEY: Beh, me l'hanno mandato per recitare, e poi li ho chiamati e ho detto che penso di avere un'idea di come dirigere questo che potrebbe essere diverso da quello a cui state pensando. La prima persona che ho chiamato è stato [il compositore] Alexandre Desplat, e ho detto che avrei un film che sarà più una meditazione che un film d'azione. Avrò bisogno che tu scriva più musica di quanta tu abbia mai scritto per un film. Gli ho mandato la sceneggiatura e lui ha detto "Capisco e so cosa fare". Quindi, per tutto il tempo, il mio pensiero sul film era che volevo l'azione, le scene di cui abbiamo alcuni, ma volevo che si guadagnassero. C'è qualcosa nel silenzio. È divertente, non ricordo il nome del film. Ricordo di averlo visto da bambino. Potrebbe essere un film terribile, non ricordo. Era con Jackie Gleason, e sì, penso che si chiamasse Gigot . E interpretava un vagabondo, una specie di ragazzo che non poteva parlare. Con una bambina e la madre penso fosse una prostituta o qualcosa del genere. Ricordo di essere stato davvero commosso da quel personaggio perché non riusciva a comunicare molto bene. Ricordo sempre di aver pensato anche a quello, stranamente. Che il film funzioni o meno, non lo ricordo affatto. Ricordo solo che da bambino lo vedevo e ne fui colpito e pensavo che ci fosse qualcosa in questa incapacità di comunicare e dover comunicare con i silenzi. Quindi abbiamo passato bei momenti come quello , con questa bambina che ho trovato, non ha mai recitato prima. Voglio dire, è solo pazzo per me.

    Quindi ecco questa ragazzina, si presenta. E gli attori, in particolare i ragazzini, ma la maggior parte degli attori, pianificano come faranno una scena. Ma lei sarebbe solo nella scena e quando guardiamo Polaris, e siamo seduti su quelle sedie, non reagisce solo come sa che dovrebbe. Quando dico alza lo sguardo su Polaris, lei alza lo sguardo e poi guarda me. Lo prende davvero e ci dà la possibilità di mantenere quei momenti davvero pieni. Fa vergognare molti attori adulti, me compreso, che dovevo prepararmi per una scena.

    DEADLINE: Com'è stato girare con quel clima gelido in Islanda?

    CLOONEY: E' stato congelamento. È anche difficile, perché è metà ottobre quindi abbiamo solo un po 'di luce dalle 11:30 alle 2:30 o 3 circa, quindi devi scattare velocemente. Martin [Ruhe, il direttore della fotografia] e io abbiamo davvero pianificato tutto ciò che intendo dire sul tee prima di arrivarci. Abbiamo passato sei mesi a mappare ogni inquadratura perché sapevamo che non avremmo avuto molto tempo. Stavamo girando con il 65 e il 65 a mano libera è una macchina fotografica pesante. Quindi c'era molto lavoro che dovevamo fare su questo in particolare. Ovviamente non ero così intimidito da questo perché come attore e come regista è davvero facile agire con freddezza quando ci sono 40 gradi sotto zero. È facile sapere che sembra fantastico. Guardi oltre e vedi la neve che soffia da sopra ed è in controluce e dici "è bellissimo". È facile da fare. La parte difficile sono state le cose sul palco [in Inghilterra] perché stiamo facendo tutto questo in virtuale. Avevo un visore VR e sto camminando su un'astronave virtuale e sto progettando inquadrature in modo da sapere quali pezzi costruire. Sono stati mesi e mesi di lavoro con Jim Bissell, lo scenografo, e Matt Kasmir, il supervisore degli effetti visivi, e con Martin, che è un fantastico direttore della fotografia. Penso che abbia girato la merda fuori da questo film.

    DEADLINE: Nel libro Augustine ha circa 70 anni, ma sembra che ti piaccia abbracciare l'idea di interpretare un uomo più anziano che è chiaramente molto malato. È questo il tipo di sfida che vorresti affrontare ora nella tua carriera di attore?

    CLOONEY: Beh, non è dove voglio andare. Voglio dire, è dove sto andando. Non posso fermarlo. Se potessi evitarlo, mi piacerebbe sembrare come ero negli anni di Out of Sight ma non puoi fermare il tempo. Quindi non sapevo che il ragazzo avesse 70 anni perché non avevo letto il libro quando ho letto la sceneggiatura. Quindi sapevo solo che era davvero malato. Così ho iniziato quell'estate, ho perso circa 25 libbre in modo da essere più magro e più attratto. È un trucco perché quello che vuoi essere è debole per la parte, ma stai anche dirigendo, che devi essere davvero forte e in forma e pronto.

    Quindi è stato un atto di bilanciamento. Avevamo una troupe ridotta al minimo, quindi portiamo le scatole delle telecamere là fuori. Potresti solo fare un tiro sulla neve senza occhiali e potrei durare solo per circa un minuto e 10 o 15 secondi prima che le mie palpebre si chiudano. Quindi dovevo tornare e avevano un asciugacapelli. Eravamo seduti in un furgone e mi asciugavano le palpebre in modo che le mie ciglia si sciogliessero. Poi tornavo indietro e giravo di nuovo la scena. Tutte queste cose aiutano davvero un attore ad essere in grado di avere tutti gli elementi a tuo favore. Quella parte, per me, è stata qualcosa che mi è davvero piaciuta ed ero davvero entusiasta di fare. Sapevo anche di essere circondato da persone con cui ho lavorato di cui mi fido immensamente.

    Quindi ero sempre coperto. E io e Grant [Heslov, produttore], voglio dire che stiamo insieme da 40 anni. Siamo come una vecchia coppia. È divertente perché quando ti regoli la tua tendenza è quella di dire "OK, va bene. Capito." Perché in un certo senso sai cosa vuoi ma non sei veramente sicuro di quello che hai perché sei davanti alla videocamera, e Grant si sedeva vicino al monitor e io venivo e dicevo "Ho capito" e Grant andava, “Fai un altro ciak, coglione. Torna indietro, fai un altro ciak. " Quindi è bello avere qualcuno che conosci e di cui ti fidi per dirti di fare un altro ciak.

    DEADLINE: molte persone potrebbero guardare a questa storia e provare a etichettarla "fantascienza". È quello che è?

    CLOONEY: Era più fantascienza circa un anno fa di quanto non lo sia ora. Beh, non credo sia fantascienza. Sì, è fantascienza perché l'astronave stessa, non abbiamo idea di come viaggeremo tra 40 anni. Queste erano alcune delle ipotesi migliori. Siamo andati da alcune persone della NASA e da persone che hanno detto che queste sono alcune delle cose con cui stiamo giocando. L'idea di stampanti 3-D e tipi di astronavi traspiranti che sono quasi gonfiabili con un endoscheletro e un esoscheletro e tutte quelle cose per il peso ... non il peso quando sei nello spazio ma per essere assemblato sulla Terra. Tutte quelle cose che abbiamo cercato di includere, ma stai ancora indovinando, quindi è finzione. Ma questa è la parte più importante di questo. È il viaggio nello spazio che ne fa parte, ma le storie sono piccole. Le storie parlano l'uno dell'altro, di chi siamo e di cosa possiamo farci l'un l'altro e se ne vale la pena o no. Per me questo era il bello diSulla spiaggia . Sì, tutta l'umanità morirà, ma riguarda anche Fred Astaire che ha sempre voluto correre su un'auto da corsa.

    DEADLINE: Per quanto riguarda il tuo personaggio, abbiamo anche dei flashback su di lui quando era molto più giovane. Ethan Peck, il nipote di Gregory Peck, lo interpreta in quelle scene. Si è parlato di utilizzare il processo di de-invecchiamento in modo da poter effettivamente giocare più giovane qui?

    CLOONEY: Sì. Ne ho parlato a lungo con Netflix perché The Irishman l'aveva usato e non era ancora uscito. Hanno detto che l'abbiamo appena fatto e me l'hanno mostrato e ho pensato [se lo avessi fatto] sarebbe diventato un argomento di cui le persone avrebbero parlato. Non sapevo come le persone avrebbero reagito in quel momento. Ho solo detto che penso che ne parlerai. È complicato perché le persone sanno praticamente che aspetto avevo quando avevo 35 anni. Quindi è più complicato, ma Ethan, abbiamo entrambi delle belle sopracciglia. Quindi è più bello di me e se ho intenzione di ingaggiare qualcuno, perché non fanculo qualcuno che è più bello di me. È tipo 6'3 "ed ecco cosa ha fatto che è stato davvero fantastico. Gli ho detto, guarda, la mia voce è abbastanza riconoscibile. Quindi dovremo lavorare insieme, io e te, e lavoreremo con ... il suono. Lavoreremo con tutti per fondere la tua voce con la mia. È un ibrido. Credici o no, é così complicato. È suddiviso in centinaia di piccoli frammenti e schemi perché non può essere la mia voce perché la mia voce era molto più alta quando ero più giovane. La voce di tutti è più alta quando sono più giovani.

    Stranamente, la sua voce è più profonda della mia, il fottuto. Ha già questa voce fantastica. Così ho parlato con lui e gli ho detto: “Guarda, questa sarà una performance in cui condivideremo la voce. Spero tu stia bene con quello. " Dà una performance così bella perché interpreta il mio personaggio in un momento sgradevole. Il motivo per cui ha bisogno della redenzione è per questo. Quindi è una cosa davvero coraggiosa che ha fatto, ovvero è salito a bordo e ha detto: “Sì, facciamolo. Ci sto." Ha appena fatto una performance meravigliosa.

    DEADLINE: Questo è il tuo primo film per Netflix. Lo streaming è il futuro del business? O è solo adesso?

    CLOONEY: Mi è piaciuto molto lavorare con loro. È stato davvero divertente. Devo dire che mi sento come se tutti quelli che penso siano spaventati a causa di COVID in questo momento che ha semplicemente buttato tutto dentro, OK, addio al cinema. Non credo che sia vero. Penso che ce l'abbiamo fatta con la televisione, i VHS, i DVD e tutto il resto. Non credo sia affatto vero. Penso che ci sarà spazio per tutto questo. Voglio dire Netflix, lo avrebbero distribuito su poche centinaia di schermi e l'abbiamo girato in 65, quindi chiaramente era progettato per essere rilasciato in un cinema. Ma la vedo come la capacità di fare entrambe le cose, penso che sarà sempre presente.

    Senti, non puoi dire costantemente alla tua dolce metà, restiamo a casa e guardiamo merda in TV. A volte devi uscire. Non credo che stiamo guardando alla fine di niente. Mi sento incredibilmente fortunato di poter avere qualcosa di simile ora, ma ovviamente è sconvolgente che non verrà proiettato su grandi schermi come è stato progettato. Ci sono molti problemi più grandi nel mondo che non far vedere il mio film su un grande schermo. Ma dirò che è terribilmente bello avere Netflix là fuori che puoi andare bene, sarò in grado di vedere ancora queste cose, che se non fosse per loro non avremmo la possibilità di fare quella. Non ho avuto altro che un'ottima esperienza con loro e lo rifarei in un baleno.

    Penso che sia un momento emozionante per loro. Senti, se sei un attore, un regista, uno scrittore o qualsiasi parte del business, questo non è altro che buono. Ci sono così tanti altri sbocchi e modi. Se fossi un giovane attore, tante più opportunità di lavoro. Penso solo che siano tutte buone notizie, in definitiva. Penso che il cinema continuerà. Chris Nolan ha ragione a scrivere per i cinema. Ovviamente dovremmo e dovremmo sempre farlo e continueremo a farlo. Penso che in questo momento sia molto da chiedere alle persone, stiamo dicendo alle persone di non andare alla cena del Ringraziamento e di mettere i loro figli a scuola. È difficile dire "ma vieni a vedere il mio film".

    DEADLINE: Quindi guardando al tuo futuro, qual è il tuo prossimo futuro?

    CLOONEY: Sì. Sto facendo un sacco di cose. La prima cosa che sto facendo è che dirigo è The Tender Bar , che è una sceneggiatura davvero meravigliosa basata su un libro fantastico. Dovrei farlo a marzo. Chissà? Il nostro piano è quello. Abbiamo uno scout di location e stanno cercando le location. Ora sta tornando a casa quindi chissà, ma questo è il nostro obiettivo. L'unica cosa che puoi fare è continuare ad andare avanti e sperare. Io e Grant stiamo adattando un libro di John Grisham per Bob Dylan, il che è piuttosto divertente. È un libro davvero fantastico chiamato Calico Joee Bob Dylan ha ottenuto i diritti da Grisham. Ci ha chiamato e ha detto: "Ragazzi, volete adattarlo?" Ho risposto "sì". È una bella storia di baseball. È davvero una bella storia e lavoriamo con Bob Dylan tra tutte le persone. Quindi siamo nel bel mezzo anche adesso. Poi abbiamo Boys in the Boat , la sceneggiatura è pronta. Quello era un libro bestseller su questi ragazzi di Seattle che vincono la competizione di canottaggio e battono Hitler in Germania nel 1936. È un film epico davvero grandioso. È alla MGM. Siamo pronti a partire, ma la verità è che stiamo aspettando fino a quando non saremo in grado di mettere 5000 persone in tribuna perché non può essere tutto CGI. Non puoi fare tutto con la CGI. Non può essere tutto falso.

    Quindi sono tre progetti. Tutto dipende da quando siamo in grado di tornare al lavoro, e poi da quando siamo in grado di tornare completamente al lavoro. La cosa buona di The Tender Bar è che è una piccola storia. È una storia scritta magnificamente, ma è piccola. Quindi questo è il prossimo, se possiamo ... anche solo lavorare. Ho un figlio con l'asma. Non è che posso andare a correre dei rischi. Ho dovuto abbandonare il film di Soderbergh ( No Sudden Move ) che stava girando per questo motivo, il che è stato un peccato perché è una grande parte. Sembra che sarei tornato a lavorare con Don Cheadle e tutti. Sembrava davvero divertente.

    DEADLINE: Finalmente, in questo momento abbiamo sentito parlare di qualcosa che hai fatto che avrebbe fatto di per sé un grande film. Hai regalato 14 valigie, ciascuna con 1 milione di dollari in banconote da 20 dollari, a una cena appositamente organizzata con amici che ti hanno aiutato quando stavi lottando per farcela all'inizio della tua carriera. Wow.

    CLOONEY: Non ho tirato fuori quella storia. Qualcun altro ne ha parlato e poi me l'hanno chiesto. Era per GQ . Mi hanno chiesto a riguardo e poi ho raccontato loro come è andata. La mia parte preferita della storia, però, è che quando ero a questa cena con Steve Wynn, che è una specie di stupido. Lui va perché dovresti farlo ? Ero come perché notu, idiota. Voglio dire, è un multimiliardario e dice perché dovresti fare una cosa del genere? È stato così divertente per me. La verità è che ... stavo esprimendo la mia volontà per tutte le cose che fai quando avrai 50 anni. Scrivi il tuo testamento e a chi stai lasciando le cose. Ero come se stessi lasciando a tutti un po 'di questo. Ma stavo pensando perché sto aspettando? Aspetti che tutti abbiano 80 anni e comprino protesi davvero belle ? Voglio solo andare.

    La redazione

    Fonte: Deadline (article e interview by Pete Hammond, 23 novembre 2020 10:26)

    1

    Editoriali recenti

    15/01/2021 - Notizia ESCLUSIVA - Apple Studios si impegna per 'Kitbag', l'epica diretta da Ridley Scott con Joaquin Phoenix nei panni del conquistatore francese Napoleone Bonaparte: 'Deadline' lo scorso ottobre ha rivelato le aspirazioni di Scott e Phoenix a ri-fare squadra su questo film, che ora ha una sceneggiatura di David Scarpa [continua...]

    09/01/2021 - OSCAR 2021 - I film europei in lizza per la corsa agli Oscar: Nonostante la situazione fuori dal comune, i paesi europei annunciano i titoli che concorreranno per il miglior lungometraggio internazionale agli Academy Awards 2021. [continua...]

    31/12/2020 - HAPPY NEW YEAR!!! - BENVENUTO 2021!!!: Che il 2021 possa essere l'Anno della Rinascita in tutti i sensi e in ogni settore, cultura e CINEMA in testa!!! [continua...]

    21/12/2020 - 2021 in arrivo! - Ecco come le star di Hollywood gli danno il benvenuto!: Ted Sarandos ospita un brindisi virtuale per le vacanze netflix con George Clooney e altre star [continua...]

    10/12/2020 - Il cinema in cantiere per il 2021 - Ben Affleck protagonista dell'adattamento 'The Tender Bar' diretto da George Clooney per Amazon: [continua...]

    09/12/2020 - Come il multiverso può rimodellare Marvel - Non è solo 'Spider-Man 3'. C'è molto più reality-crossing in arrivo nell'MCU nei prossimi due anni: Alfred Molina riprende il ruolo di Otto Octavius suo personaggio in Spider Man 2 del 2004. [continua...]

    05/12/2020 - Quando il NATALE era davvero NATALE!!!: E il CAPODANNO a NEW YORK poteva essere una meta plausibile. Adesso possiamo solo sognarlo o vederlo in un film. Scoprite quale! [continua...]

    02/12/2020 - Paul Greengrass' 'News Of The World': Tom Hanks Western del 1870 porta rilevanza e speranza all'attuale pandemia, Brexit, elezioni e dolori ai media - Intervista su 'Deadline': Ambientato quasi 150 anni fa dopo la fine della guerra civile, il film contiene inquietanti parallelismi con molti argomenti caldi che hanno diviso questo paese oggi, dalle paure di una pandemia (tubercolosi) ai falsi media e al razzismo [continua...]

    25/11/2020 - George Clooney sull'urgenza del suo primo film Netflix 'The Midnight Sky', interpretando vecchietti, girando film durante una pandemia e regalando 14 milioni di dollari: La lunga ed interessante intervista a George Clooney su 'Deadline' [continua...]

    20/11/2020 - IL CINEMA CHE VEDREMO! - Listino Lucky Red: Ecco le 'nuove acquisizioni fatte da Lucky Red per il pubblico italiano, che tornerà nelle sale quando questo incubo sarà finito. Torneremo a divertirci, ad emozionarci, a piangere o a indignarsi nel buio di una sala, tutti insieme'. [continua...]

    Vai all'archivio completo di tutti gli editoriali -->

    The Prom

    THE PROM

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Meryl Streep e Nicole Kidman protagoniste e .... [continua]

    Let Them All Talk

    LET THEM ALL TALK

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Negli USA il film debutta su HBO Max il 10 .... [continua]

    The Midnight Sky

    THE MIDNIGHT SKY

    Tra i più attesi!!! - George Clooney torna a regia e recitazione con un .... [continua]

    Il concorso

    IL CONCORSO

    RECENSIONE - Keira Knightley e Gugu Mbatha-Raw protagoniste del film leggero e vivace di Philippa .... [continua]

    Made in Italy

    MADE IN ITALY

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - L'esordio alla regia dell'attore inglese James D'Arcy .... [continua]

    Uno di noi

    UNO DI NOI

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Diane Lane e Kevin Costner tornano a far coppia sul grande .... [continua]

    Elegia americana

    ELEGIA AMERICANA

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - Drammatico affresco in cui Ron Howard dipinge la crisi .... [continua]