ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Copia originale

    COPIA ORIGINALE

    Dal 36. TFF - Dal 21 Febbraio .... [continua]

    Un uomo tranquillo

    UN UOMO TRANQUILLO

    Come Hans Petter Moland, alias 'il Ridley Scott della Norvegia', e Liam Neeson hanno creato .... [continua]

    The Front Runner - Il vizio del potere

    THE FRONT RUNNER - IL VIZIO DEL POTERE

    Dal 36. Torino Film Festival - Dal 21 Febbraio .... [continua]

    Mia e il leone bianco

    MIA E IL LEONE BIANCO

    Ancora al cinema - RECENSIONE - Dal 17 Gennaio

    "Ho incontrato Gilles de ....
    [continua]

    Home Page > Cinespigolature > A PROPOSITO DI MALEFICENT! POSTILLA CRITICA IN 'POST IT' ALLA SECONDA RECENSIONE (A cura di ENRICA MANES)

    A PROPOSITO DI MALEFICENT! POSTILLA CRITICA IN 'POST IT' ALLA SECONDA RECENSIONE (A cura di ENRICA MANES)

    Maleficent, mito, fiaba e romanzo di formazione

    04/06/2014 - Fuori dalla vena di rivisitazione dark delle più note fiabe, a metà tra il neo fantasy e la new age spicciola, ben oltre l'inflazionata moda per il filone di vampiri e mutanti, esiste un genere capace di mantenere saldi e veri tutti i valori di partenza, senza scadere nel già visto e nel banale. La nuova generazione Disney non sta cavalcando infatti un'onda ma inventando qualcosa che prima non c'era. Più a fondo del canonico sequel e prequel, MALEFICENT è un simbolo di questa intuizione, dopo il fortunato impulso dato dalla versione cinematografica, tra film e animazione, de IL MAGO DI OZ e ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE, MALEFICENT racchiude ancora più segreti e citazioni, fino a superare anche nell'evoluzione grafica i noti esempi che a quest'opera hanno aperto la fortunata strada.

    Ma la fama non è tanto legata al filone, quanto al senso e alla profondità di temi messi in campo. Una sintesi che STROMBERG traduce in epica cavalleresca e mitologica, operando un sapiente sincretismo filologico soprattutto nella citazione disneyana del classico, perché il celebre dialogo in cui Malefica si presenta e fa calare le tenebre sul castello e sulla corte di re Stefano, il giorno del battesimo della piccola Aurora è riportato uguale all'originale e magistralmente interpretato da una Angelina Jolie capace di infondere pathos, terrore e sarcasmo insieme.

    Non manca il tema rivisitato e colto della metamorfosi, per dare corpo al celebre corvo, fedele servitore di Malefica qui eroina tragica a metà tra arpia e valchiria. Come nel mito l'eroina è ferita, nel corpo e nel cuore e il suo destino viene legato indissolubilmente al regno di re Stefano, tratteggiato qui come bramoso di potere, soggiogato dalla fama e irretito dal successo tanto da essere disposto a soffocare tutti i sentimenti. Ed ecco che i rovi prendono corpo, avviluppando il castello e assumendo una dimensione dell'anima; un intreccio introspettivo che mette questa volta alla prova Malefica quale protagonista di una folle e disperata battaglia contro il male di cui lei stessa era depositaria. E mentre re Stefano mantiene la sua corazza di astio e bramosia, è Malefica, la cattiva per eccellenza, a fare forza su se stessa e partire alla ricerca della giovane Aurora e poter così, anche a costo della vita, porre fine al sortilegio messo in atto. Non è un principe a liberare la fanciulla, e, seppure nella sua variante, Stromberg presenta un fanciullo timido, di nome Filippo, che appare in modo fugace come il suo predecessore illustre del '59 e assume i tratti realistici e un poco ironici del giovane impacciato e incredulo. D'altra parte anche alle tre fate madrine è riservato un ruolo alquanto pasticcione e confusionario per lasciare posto alla "variante Malefica" che va oltre la fiaba e cavalca le molte leggende correlate, in un sapiente insieme di intuizioni orchestrate con piacevole armonia nel movimento di Stromberg, grazie a una sceneggiatura del tutto priva di stonature, ricca di contenuti e a un impianto scenografico che rasenta il tocco fotografico e realistico ben oltre lo standard che il genere fantasy fino ad ora era stato capace di mostrare.

    ENRICA MANES

    1

    <-- Torna alla pagina Cinespigolature

    Alita - Angelo della battaglia

    ALITA - ANGELO DELLA BATTAGLIA

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 14 Febbraio

    "Abbiamo costruito tutto dalle nostre precedenti esperienze ....
    [continua]

    Il corriere - The Mule

    IL CORRIERE-THE MULE

    Tra i più attesi!!! - RECENSIONE - Dal 7 Febbraio

    "Earl è stato ....
    [continua]

    Green Book

    GREEN BOOK

    RECENSIONE - OSCAR 2019: Nominations al 'Miglior film'; 'Miglior Attore Protagonista' (Viggo Mortensen); Miglior .... [continua]

    L'esorcismo di Hannah Grace

    L'ESORCISMO DI HANNAH GRACE

    RECENSIONE - Dal 31 Gennaio .... [continua]

    Dragon Trainer – Il mondo nascosto

    DRAGON TRAINER – IL MONDO NASCOSTO

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 31 Gennaio

    "Perennemente schivo, Hiccup è ora il capo ....
    [continua]

    La favorita

    LA FAVORITA

    RECENSIONE - OSCAR 2019: 10 Nominations - 12 Nominations ai BAFTA 2019; VINCITORE .... [continua]

    Bohemian Rhapsody

    BOHEMIAN RHAPSODY

    Ancora al cinema - VINCITORE di 2 GOLDEN GLOBES 2019 al 'Miglior Film .... [continua]